Visconti

Logo Visconti

Special: Mazzi Collection

La tecnica ad aerografo si basa sull’utilizzo di un utensile ad aria compressa che, attraverso un ugello connesso ad una bomboletta di colore, spruzza una pittura finemente polverizzata, o altri coloranti liquidi, su superfici di diversi tipi e dimensioni. Questo strumento ha fatto la sua comparsa all’inizio degli anni Novanta in cui veniva impiegato per il fotoritocco: le immagini imperfette raggiungevano la loro perfezione attraverso i ritocchi raffinati dei maestri dell’areografo. Oggi questa tecnica è stata estesa a tutti i tipi di espressioni artistiche, sia pittoriche, sia grafiche, ed anche ai disegni tecnici, architettonici e alle illustrazioni commerciali usate in pubblicità. 

Processo di produzione

aerograph01s.jpg

1. Dopo la preparazione degli acrilici fondamentali, viene spruzzata una base di colore sulla superficie per prepararla al disegno.

aerograph02s.jpg

2. Questa è seguita da strati successivi di pittura a spray che, usando diversi tratti e silhouette, donano forma al soggetto.

 

aerograph03s.jpg

3. Si continua a lavorare sulla pittura con dosi variabili di colore e aria in modo da permettere variazioni illimitate ed effetti grafici all’immagine, definendo i chiari e gli scuri.

aerograph04s.jpg

4. Una volta terminato il lavoro, il risultato è molto simile a un’immagine fotografica.